giovedì 8 settembre 2016

29+3 Calzine e tutine minuscole sul tavolo da pranzo

Capita che Lui si offra di spalmarti la Rilastil sul pancione e farti un bel massaggio con un po' di musichina rilassante in sottofondo. Dandoti tempo per pensare sotto il tocco delle sue mani che ti fanno sentire sicura, ti fanno sentire a casa. E, come ogni volta che negli ultimi mesi mi fermo a pensare, mi trasformo in un barattolino straripante di gratitudine. E mi faccio una piangiutina, vabbè.

Ce l'abbiamo fatta. Noi. Io e Lui, da soli. Grazie alle nostre forze abbiamo cambiato le cose. Questo Natale non lo passerò certo a piangere appoggiata al piano della cucina. Ne questo ne i prossimi. In questi giorni di shopping per le bambine e per la valigia dell'ospedale sto magicamente cominciando ad abituarmi all'idea. Scegliere, vedere e toccare quelle che saranno le loro cose, per davvero, ha significato moltissimo per me.

Loro stanno bene, crescono e stanno arrivando. E io non riesco a contenere la gioia!

8 commenti:

  1. Eggnente, passare da qui è ormai sinonimo di andare alla ricerca di un ottimo motivo per un largo sorriso :-) Che bello cara, tifo tifissimo per te e per voi!

    RispondiElimina
  2. Stai ricevendo indietro quello Che ti era stato sottratto, con gli interessi...sono molto emozionata per voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Delle volte la penso così anch'io!

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  3. Come tutte le volte che passo da qui non posso che sorridere... E immedesimarmi!! :) ti abbraccio forte!! Etecosaspetti.wordpress.com

    RispondiElimina