giovedì 23 maggio 2013

Benvenuta A.



 

Ieri pomeriggio ho avuto un’apparizione mistica. 

Ero in cortile col Vice Capo Cantiere e buona parte delle rezdore del quartiere impegnate in una sessione di ciozzo fittissimo aggiornamento intensivo.

A un certo punto, mia nonna mi prende per un braccio e mi porta nel cortile della casa di fianco: c’era una nuova arrivata da conoscere. 

Io in realtà da lontano l’avevo già vista, l’avevo osservata dall’alto del mio balcone, ma non avevo sufficiente confidenza e faccia tosta per andare porgere le mie congratulazioni ai suoi genitori. 

Una bellissima bambina, tutta rosa e bianca, con tanti sottilissimi capelli neri, quasi una peluria, che succhiava avidamente il latte dalla sua mamma. La bambina era meravigliosa, vi assicuro. Ma ancor più meravigliosa la presenza eterea della mamma. Una ragazza mora, slanciata, con la gonna lunga, una camicia bianca leggera e degli orecchini di perle lavorati. Il viso pulito e uno dei più bei sorrisi che io abbia mai visto in vita mia. 

Un sorriso che era prima di tutto negli occhi, non vi so spiegare bene… vi posso solo dire che era contagioso e infondeva serenità. Lei allattava la bambina stando in piedi, chiacchierando, passeggiando sugli autobloccanti. Come se fosse la cosa più naturale al mondo, come se fosse il quinto figlio con cui lo faceva, come se fosse nata apposta per farlo. 

Già mi era capitato di osservarla dall’alto, questa mamma con la sua bimba che in quaranta giorni avrò sentito piangere sì e no tre volte (le nostre finestre sono vicinissime), con la sua andatura lenta e delicata che mi aveva letteralmente incantata. Da vicino però ho proprio avuto l’impressione di vedere la Madonna. Vi è mai capitato? Era come se fosse dipinta, tanto era perfetta. Mi ha rapita.


Ammetto che quando ho cominciato a vederla avvolta da un fascio di luce ho pensato che fosse davvero giunta l'ora di tornare a casa mia. Però, che meraviglia…

8 commenti:

  1. Donne che apprezzano la loro essenza e la loro forza nel dare la vita e non lamentose, deboli, isteriche che pensano sia una "disgrazia" essere donne perchè non possono fare come gli uomini... appunto, per fortuna direi io!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto. Per fortuna!!! Anche a me non piacciono i lamenti, devo però ammettere che ogni tanto ci casco pure io.

      Elimina
  2. Sono sicura che presto quella stessa luce sarà nei tuoi occhi e sai una cosa? Non vedo l'ora!

    RispondiElimina
  3. E poi auguri alla neomamma, avrà sicuramente scelto un nome bellissimo per la sua donnina: inizia per A!! ;-P

    RispondiElimina
  4. Io la madonna l'ho vista un sacco di volte, ma ero dall'altra parte, avevo sempre le tette al vento, le mie camicie erano sempre bianche anche se quando uscivo di casa magari erano blu. anche io allattavo in piedi, specie di notte, ed era in quei momenti che mi succedeva più spesso di avere delle visioni mistiche.
    Però anche io avevo il sorriso sereno...
    :-)

    RispondiElimina