lunedì 18 gennaio 2016

Non fu Cannavacciuolo [la FIVET si avvicina]

Dopo due, dico due test di gravidanza nulli poiché entrambi scaduti nel 2014 (povera me, ho fatto scadere anche il clear blue delle grandi occasioni che conservavo per quella che sarebbe stata la volta buona) giovedì 14 siamo finalmente stati a trovare la Boss.

Aveva una simpatica spilla di osso e perline a forma di elefante ed è stata gradevole ed esauriente come al solito. Alla fine mi ha pure visitata (lei, e non Cannavacciuolo. Lol.).

Ha convenuto che, a questo punto, la FIVET sia una scelta con una sua logica, e anche sensata. E che il 35% di probabilità (della FIVET, ICSI per la precisione) è più bello del 12% (della IUI). E che il 47% della FIVET da congelato (ammesso di essere un embrione fortunato, uno dell'80% che sopravvive allo scongelamento) è ancora meglio.

Non servono altri esami e possiamo partire dal nuovo ciclo (arrivato oggi) o col prossimo (più probabile, giusto per organizzarci un attimo e raccattare tutti i farmaci - dannato Cetrotide non mutuabile da fare con le siringhe vere, io volevo la penna! - )

Ci ha rassicurato riguardo ai nuovi protocolli che hanno praticamente azzerato i casi di iperstimolo e sul fatto che il pick up in anestesia locale + blanda sedazione in vena sia assolutamente fattibile. Ho letto che, finita l'anestesia, il dolore arriva eccome, ma ormai sei già a casa tua nel tuo letto. Ho deciso che per l'occasione mi regalerò un pigiama nuovo. Tiè. 

Ero impaziente di partire subito, ma alla fine questo mese di bonus lo userò in modo intelligente per prepararmi per bene. Approfondire il nuovo trip dell'agopuntura, allenarmi come prima del ciclo di ottobre (eh si, ci ho messo un po' a riprendermi del  tutto dopo essere stata ferma 3 settimane intere) e magari perdere un altro paio di chili. Mettere per bene a posto la casetta (sto diventando fissata) e riempire il sottoscala di carta igienica e detersivi. Così da potermi concentrare per un mese solo su di me e su qualche bel libro da leggere. 

L'infertilità ti regala anche qualche lusso,  non ho intenzione di perdermene nemmeno uno!!!

20 commenti:

  1. Risposte
    1. Ma quanto è bello avere il tifo tutto per me! :D

      Elimina
  2. Che carica!! Sei formidabile.
    Mi sembra tutto pronto, a partire dal tuo stato d'animo. Il Cetrotide qui è già nella siringa, è il Menopur che invece richiede abilità non indifferenti.
    Ma come mai opti per il Pick Up con sedazione locale? Se posso chiedere... :)
    Buona preparazione e sono con te. Un abbraccio enorme.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara! Come stai?

      Mannaggia, come già nella siringa...? Che invidia. Qui niente Menopur ma Gonal. Speriamo bene, io mi ero già affezionata al Puregon che non si sente neanche.

      Al Demetra il PU lo fanno così di default: anestesia locale + qualcosa in vena che ti imbambola bene, ma sei sveglia. Diversamente fanno la totale su richiesta ma mi sembra davvero eccessivo. Che ne pensi? Mi interessa il tuo parere.

      Baci baci baci

      Elimina
    2. Sto bene cara, grazie!! Cresciamo e cerchiamo di vivere a pieno ogni giorno.

      Anche io adoro il Puregon, il mio preferito. Semplice da usare e soprattutto "gentile" con le nostre pance!!

      Per quanto riguarda l'anestesia, io non faccio testo. Nel senso che qui in Brasile, come in generale in America, la sedazione totale è regolarmente usata e personalmente [non solo nel caso di PMA] l'ho provata svariate volte.
      Io mi trovo bene, la preferisco. Ma sono dell'idea che sia giusto sempre seguire le indicazioni della clinica e la tua oltretutto è senza dubbio valida, quindi vai tranquilla. Per quanto riguarda il post Pick Up, io non ho mai avuto alcun fastidio, se non legato alla sedazione appunto. Ma solo durante il primo tentativo, questa volta assolutamente niente. Io credo che non avrai dolore e lo spero vivamente!!

      Attendo aggiornamenti!!
      Tanti baci a te.

      Elimina
    3. La Boss sostiene che ci sia molta differenza fra i medici abituati a lavorare in anestesia generale e medici abituati a lavorare con anestesia locale, i secondi sarebbero più delicati. E i suoi pare siano molto delicati. Speriamo!
      Quindi dice che è meglio fare la totale dove fanno sempre la totale, e fare invece la locale tranquillamente dove sono abituati a fare solo la locale.

      Io la totale non l'ho mai fatta, pertanto non ho termini di paragone. Forse anche per quello preferisco evitarla...

      Ma sì dai, speriamo bene! Io sono super positiva. Speriamo che non mi passi :)

      Un grosso abbraccio a te e alla pancia! A prestissimo

      Elimina
    4. Il Pick Up nel mio caso lo fa il Dr.Destino, lo stesso che si occupa del Transfer e che quindi di delicatezza ne deve avere a volontà. Lo stesso che quando mi fa le ecografie, me ne accorgo solo dallo schermo sopra la mia testa. La delicatezza credo si senta anche dal fatto che a postumi non ho mai avuto alcun fastidio, quando leggo di tante donne che invece lamentano dolore, di donne che incolpano i medici per un negativo in seguito a trasferimenti avvenuti in condizioni non idonee.
      Questo solo per dire che credo sia anche un discorso rivolto all'interesse verso la paziente, non solo relativo ai medici e che quando si parla di PMA la delicatezza non è una possibilità, ma un dovere.
      Non nella tua clinica, ma è proprio a Firenze che io ho conosciuto un medico con le mani d'oro ;)

      Ancora abbracci, ancora in bocca al lupo <3

      Elimina
  3. Anche tu al Demetra? Chi ti segue? Ti faccio un enorme in bocca al lupo e aspetto di sapere le tue impressioni sulla fivet perché se questo tentativo dovesse andare male ho intenzione di passare al secondo livello anch'io. Un abbraccio! Cla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La responsabile del centro, la Boss, appunto. Grande donna.

      Crepi il lupo e.... Forza!

      Elimina
  4. In bocca al lupo!
    E segui ciò che ti dice il tuo istinto e il suo corpo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, ho iniziato da pochissimo a fare l'agopuntura, e parlando con il medico che lo esegue mi sono accorta che il mio corpo mi sta dando dei segnali forti e chiari, che stavo seguendo in modo abbastanza involontario. Alle volte siamo capaci di auto aiutarci più di quello che immaginiamo.
      Incrociamo le dita! Vi terrò aggiornate :)

      Elimina
  5. dai dai che facciamo tutte il tifo per voi...la tua concreta positività con cui stai affrontando questo percorso deve essere premiata..in quanto ai lussi prenditeli tutti!!!un abbraccio Silvia

    RispondiElimina
  6. In bocca al lupo per questo nuovo inizio.
    Volevo poi informarti che è uscito un libro scritto da Adele Lapertosa : il bambino possibile, guida alla fecondazione assistita; mi ha detto una mia amica che è molto utile.Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi il lupoooo! :)
      Grazie dell'informazione, non lo sapevo. Mi documento, mi incuriosisce.

      Elimina
  7. In bocca al lupo!
    Mi unisco al tifo...sfegatata!!!
    Bacibacibaci

    RispondiElimina
  8. Ciao! Ho letto i tuoi ultimi post, come ti capisco...

    Anche per me Natale, Capodanno e inizio anno sono stati abbastanza duri. A gennaio sarebbe dovuta nascere la mia bambina, se non avessi abortito, dunque riesco finalmente ora a riprendermi per bene. E' come se fossi stata in lutto fino ad ora.

    E così ho seguito poco sia il mio blog che quelli, come il tuo, che seguo.

    Che bello, però, ti ritrovo qui che stai ripartendo e con tutta la speranza di un nuovo percorso.
    Anche io sono stata al Demetra, e il pick up è stato semplice e veloce, senza particolari dolori nel post-operatorio.

    Allora...ti faccio i miei migliori in bocca al lupo!
    Passa a trovarmi, se e quando vuoi!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carmen! Non è una passeggiata, quella che stai affrontando. Però di carattere ne hai da vendere... ;) vedrai che andrà meglio. Non vedo l'ora di farmi una scorpacciata e leggere tutto tutto tutto di la da te ma, non so perché, ho voglia di farlo in una volta sola e sto aspettando di avere tempo (che illusa!) come sto aspettando di scriverti per quel discorso che avevamo lasciato in sospeso. Porta pazienza, in questo periodo sono estremamente incasinata e bisognosa di concentrarmi su di me. Arriverà un momento adatto, te lo prometto. Intanto ti abbraccio forte, a presto :)

      Elimina
    2. Carissima, non ti preoccupare, ti capisco benissimo!
      Anche per me è così, sto scrivendo molto meno e riesco anche io a dedicarmi a meno persone, perchè ho bisogno di stare "con me".
      Mi fa piacere sapere che non ti sei dimenticata della mia proposta! Ci conto! ;)
      Aspetto di leggerti di nuovo...con bellissime novità!

      Elimina